Autonomia differenziata per i Beni Culturali: un vantaggio per chi?

È il tema del momento, e resterà tale fino alla pubblicazione del decreto o alla fine di questo Governo: l’autonomia differenziata per Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna sta tenendo banco sui giornali e nei Consigli dei Ministri. Come abbiamo già raccontato, la gestione del Patrimonio culturale è uno degli oggetti del più feroce contendere, e vede…

Autonomia differenziata per i beni culturali: ma che sta accadendo?

Avrete notato che da due settimane non si parla più di riforma del MiBAC. Il motivo è semplice: la trattativa sull’autonomia regionale tra Lega e 5 stelle.  Anche se la cosa ha avuto ben poco impatto giornalistico, i Beni Culturali sono uno degli argomenti del contendere, come rivelano fonti governative. E le bozze di intesa pubblicate…

Proprietà collettiva per i Beni Culturali, si può? L’esempio di Castel Pergine

Come collettivo Mi Riconosci ci interroghiamo costantemente su come ottenere una migliore gestione del Patrimonio culturale, che lo avvicini alle comunità e lo valorizzi maggiormente. La proprietà collettiva e comunitaria, purtroppo non prevista dalla legge italiana, ci appare come una delle possibili soluzioni: soluzione però non solo, ad oggi, di difficile raggiungimento, ma allo stesso tempo…

Nell’ultimo rapporto ISTAT la fotografia dell’Italia dei Musei che resiste a fatica

“Tracciando un quadro delle figure professionali su cui si basa l’attività museale […] i dati indicano l’esigenza e l’opportunità di professionalizzare un settore ampiamente sostenuto dall’iniziativa volontaristica e spontanea di personale non sempre adeguatamente qualificato.” Questo non lo dice un collettivo di attivisti come il nostro, ma il rapporto ISTAT “I musei, le aree archeologiche…

Oltre le Soprintendenze, la riforma Franceschini va abolita, subito.

A volte bisogna fare un passo indietro per poter ricominciare ad andare avanti. Oggi abbiamo sottoscritto l’appello lanciato da alcuni archeologi per il ritorno alle Soprintendenze Archeologia, che esistevano fino al gennaio 2016. La scelta potrebbe incuriosire chi non è del settore: perché inserirsi in una diatriba che riguarda la forma, la struttura del Ministero?…